News ed Eventi

Eventi

Padania Acque per lo sport e la sostenibilità: la buona acqua di rete distribuita al torneo di basket 3XCRE

Anche quest’anno Padania Acque era presente al torneo di basket 3XCRE, organizzato da Memorial Robi Telli e Memorial Miky Barcella, un’importante realtà locale del mondo dello sport e del divertimento aperto a tutti.

 

Gli organizzatori, per il quinto anno consecutivo, hanno voluto dare un forte messaggio sul tema della lotta alla plastica e della promozione dell’acqua di rete, scegliendo di non utilizzare bottigliette usa e getta per i circa 500 giocatori, lo staff e il pubblico che lo scorso weekend hanno animato i campi da basket del Parco Sartori di Cremona.  

 

Padania Acque ha accolto con entusiasmo l’iniziativa volta alla sensibilizzazione sul valore della risorsa idrica e la qualità dell’acqua di rete, dissetando tutti i presenti con l’acqua dell’acquedotto cremonese erogata “alla spina” dall’Acquapoint presente al corner dell’azienda dell’idrico. In totale, sono stati distribuiti gratuitamente circa 3000 litri di acqua del rubinetto in bicchieri biodegradabili e compostabili, consentendo così di evitare l’utilizzo di 2000 bottiglie in plastica usa e getta da 1,5 litri e di risparmiare ben 120 kg di plastica e 200 kg di CO2 emessa nell’atmosfera. Inoltre, all’apertura del torneo, la mascotte di Padania Acque Glu Glu era presente per distribuire le magliette a tutti i bambini e ragazzi pronti a giocare con l’iconico pallone arancione.

 

«La sostenibilità è un tema centrale del percorso educativo e formativo di Padania Acque nei confronti delle giovani generazioni della nostra provincia – ha dichiarato l’Amministratore Delegato Alessandro Lanfranchi. – Iniziative come il 3XCRE sono un’occasione importante per il nostro territorio perché lo sport, con i propri valori di inclusione e rispetto sia dentro che fuori campo, viene affiancato dall’impegno nell’ambito della sostenibilità e dell’utilizzo responsabile delle risorse esauribili del nostro pianeta. Ci auguriamo che sempre più realtà, anche non solo in ambito sportivo, si facciano promotrici delle buone pratiche per salvaguardare il nostro pianeta e lasciarlo al meglio alle future generazioni».